Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Tu sei qui: Home Notizie Irccs Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna Rizzoli, il nuovo Day hospital di ortopedia pediatrica
Sections

Rizzoli, il nuovo Day hospital di ortopedia pediatrica

< Irccs Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna> , 9 settembre 2011
— archiviato sotto: , ,

Un viaggio in treno per cure ultraspecialistiche senza paura. Questo il percorso di accoglienza, tra gioco e assistenza, ideato per i piccoli pazienti nella struttura inaugurata allo Ior di Bologna.

Rizzoli, il nuovo Day hospital di ortopedia pediatrica

i binari del treno, lungo il corridoio del Day hospital

Bologna, 9 settembre 2011 - Al momento dell’accettazione i bambini ricevono un biglietto, che dice quali successive fermate sono previste nella loro giornata sul treno del Day hospital pediatrico, al Rizzoli di Bologna: è l’inizio di un viaggio tra gioco e assistenza, quella ultraspecialistica della struttura di ortopedia pediatrica, diretta dal dottor Onofrio Donzelli, che assiste ogni anno 2.000 bambini provenienti da tutta Italia (60% extra Emilia-Romagna) e garantisce 3.500 prestazioni in Day Hospital.

Arredi e allestimento a tema accompagnano i bambini nella progressione delle cure, con l’aiuto di alcuni spazi di alleggerimento particolarmente significativi: una parete attrezzata a trenino, organizzato in scompartimenti con mini-sedili e tavolinetti, e la ludoteca, che può contare su una ricchissima fornitura di giocattoli, libri e strumenti musicali donati dalle aziende che hanno voluto contribuire alla realizzazione del progetto.

"Eliminare la paura, o anche solo la sensazione di disagio ed estraneità che un bambino avverte in un contesto ospedaliero pensato per i percorsi degli adulti, è l’obiettivo di questa ristrutturazione totale degli ambienti del Day hospital – spiega il direttore generale del Rizzoli Giovanni Baldi, che ha inaugurato oggi la struttura con l’assessore alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Carlo Lusenti e il direttore scientifico del Rizzoli Francesco Antonio Manzoli. – Pedagogisti e fornitori specializzati, tra cui gli esperti in spazi ludici Ludovico, hanno realizzato con la direzione ospedaliera e l’ufficio tecnico un progetto integrato che coniuga la massima efficacia delle cure, nella maggior parte dei casi particolarmente complesse visto il ruolo di riferimento a livello nazionale rivestito dall’ortopedia pediatrica del Rizzoli, con una intensa attenzione allo stato d’animo dei pazienti più piccoli, senza la quale non è possibile per il personale sanitario instaurare la relazione di fiducia indispensabile per procedere con successo nel percorso assistenziale.”

A tagliare il nastro oggi, insieme alle autorità istituzionali, i bambini attualmente ricoverati in ortopedia pediatrica al Rizzoli, nel reparto di degenza ristrutturato lo scorso anno secondo un analogo progetto a misura di bambino.

Ortopedia e traumatologia pediatrica

La struttura complessa di ortopedia e traumatologia pediatrica dell’Istituto Ortopedico Rizzoli è specializzata nel trattamento delle malattie dell'apparato muscolo-scheletrico del “soggetto in accrescimento”. Vengono pertanto trattati tutti i pazienti dall’età perinatale (e in alcuni casi anche prima, se si considerano le consulenze prenatali) ai 16 anni circa.

Il servizio di day hospital pediatrico è dedicato ai ricoveri brevi per:

  • l’approfondimento diagnostico
  • la messa a punto di apparecchiature ortesiche
  • il trattamento conservativo delle patologie malformative.

Fa parte del servizio una Sala gessi pediatrica, dove vengono confezionati gli apparecchi gessati e altri presidi ortopedici (valve in materiale termoplastico, bendaggi, ecc.).

In particolare il Day hospital si occupa di:

  • piede torto congenito (valve, gessi, ortesi), sia in preparazione all’intervento chirurgico correttivo, sia all’interno di un programma di trattamento;
  • altre deformità congenite del piede (es. piede reflesso) o malposizioni del piede (es. metatarso varo, piede talo-valgo);
  • deformità congenite dell’arto superiore (es. mano torta);
  • inquadramento multidisciplinare delle patologie afferenti alla neuro-ortopedia (valutazione ortopedica, fisiatrica e neuropsichiatrica infantile) e della Paralisi cerebrale infantile;
  • trattamento ortesico della tibia recurvata congenita, delle pseudartrosi di tibia, delle ipoplasie degli arti inferiori;
  • follow-up ecografico e radiografico della displasia dell’anca in trattamento con divaricatori;
  • follow-up clinico-radiografico dei pazienti sottoposti ad allungamento degli arti con fissatore esterno.

 

Dati di attività Day hospital pediatrico (anno 2010):
  • 3.543 accessi
  • 8,2 anni: la media di età dei pazienti seguiti, escludendo gli inferiori all’anno (circa il 20%).
Azioni sul documento
Strumenti personali