Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Tu sei qui: Home Notizie Irccs Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna Al Rizzoli specialisti del gomito a confronto, con il contributo del chirurgo canadese Graham King,
Sections

Al Rizzoli specialisti del gomito a confronto, con il contributo del chirurgo canadese Graham King,

< Irccs Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna> , 5 settembre 2011
— archiviato sotto:

Il gesto tecnico del tennis, ma anche qualunque movimento ripetitivo del polso e della mano - scrivere, digitare su una tastiera, muovere il mouse, guidare, ruotare una chiave - sottopongono un muscolo dell’avambraccio, l’estensore radiale breve del carpo, a una sollecitazione meccanica che si trasmette ai tendini e all’osso del gomito, determinando la degenerazione strutturale che causa il cosiddetto “gomito del tennista”, tecnicamente epicondilite. Roberto Rotini, responsabile della Chirurgia della Spalla e del Gomito del Rizzoli è promotore del meeting che il 5 e il 6 settembre riunisce all'Istituto Ortopedico di Bologna gli specialisti internazionali del gomito. E' presente il chirurgo canadese Graham King del St. Joseph Health Care di London.

Il gesto tecnico del tennis, ma anche qualunque movimento ripetitivo del polso e della mano - scrivere, digitare su una tastiera, muovere il mouse, guidare, ruotare una chiave - sottopongono un muscolo dell’avambraccio, l’estensore radiale breve del carpo, a una sollecitazione meccanica che si trasmette ai tendini e all’osso del gomito, determinando la degenerazione strutturale che causa il cosiddetto “gomito del tennista”, tecnicamente epicondilite.

“La fascia di età più colpita è quella fra i 40 ed i 50 anni e i dati della letteratura  scientifica parlano del 2% della popolazione attiva affetta - spiega Roberto Rotini, responsabile della Chirurgia della Spalla e del Gomito dell’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna e promotore del meeting che il 5 e il 6 settembre riunisce gli specialisti  internazionali del gomito. - Il dolore viene inizialmente trascurato e successivamente trattato con diverse terapie, generalmente in maniera inefficace, in quanto la permanenza delle sollecitazioni sul tendine rende vano qualunque programma terapeutico.

La prima scelta terapeutica è di tipo conservativo: terapia topica con antinfiammatori (pomata, gel, schiuma), applicazioni di ultrasuoni, ionoforesi, crioterapia, magnetoterapia, terapia con onde d’urto, laserterapia, tecarterapia, mesoterapia, infiltrazioni locali con corticosteroidi determinano un beneficio transitorio.

La cura più specifica, capace di intervenire sulla causa microtraumatica scatenante, è il riposo relativo del muscolo (estensore radiale breve del carpo) interessato, che può essere ottenuto ricorrendo a un tutore dinamico di polso: permette di mantenere a riposo il tendine mentre la mano conserva la possibilità di muoversi. Nel caso in cui tali cure conservative non determinino la scomparsa dei sintomi, si suggerisce l’intervento chirurgico, che attualmente si può eseguire con tecniche meno invasive rispetto a quelle tradizionali, come l’artroscopia, capaci inoltre di rendere più rapidi i tempi di recupero.”

Le lesioni tendinee del gomito rappresentano con la protesi totale di gomito gli argomenti del corso avanzato diretto da Rotini insieme a Graham King dell’ospedale St. Joseph Health Care, della città canadese di London. “King è esperto di fama mondiale del trattamento delle patologie del gomito e sarà con noi anche nelle sessioni di live surgery, che consentono la piena interattività fra i medici che assistono in diretta agli interventi chirurgici dalla sede congressuale ed i chirurghi che svolgono il programma operatorio - prosegue Rotini. - Eseguiremo una protesi totale di gomito, intervento indicato per pazienti anziani affetti da artrosi, artrite reumatoide o da postumi di fratture.

 Pochissimi in Italia gli ospedali in cui tale tecnica è praticata. Tra questi, il Rizzoli ha da sempre un ruolo pionieristico: nel 1948, infatti, nel nostro Istituto il prof. Delitala impiantò la seconda protesi di gomito al mondo.”

Azioni sul documento
Strumenti personali