Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Tu sei qui: Home L'agenda Azienda Usl Forlì Corso d'aggiornamento "Attività Fisica Adattata (AFA): un'opportunità di miglioramento della salute"
Sections

Corso d'aggiornamento "Attività Fisica Adattata (AFA): un'opportunità di miglioramento della salute"

< Azienda Usl Forlì> Castrocaro Terme (FC) , 31 marzo 2012

Cosa
Quando 31/03/2012
da 08:30 al 13:35
Dove Castrocaro Terme (FC)
Persona di riferimento
Recapito telefonico per contatti 0543.731287
Partecipanti Romana Bacchi
Direttore Dipartimento Sanità Pubblica A.USL Forlì
Stefano Boni
Responsabile U.O. Cure Primarie A.USL Forlì
Andrea Cesare Caregnato
Dirigente Medico U.O. Medicina Fisica e Riabilitazione A.USL Modena
Marco Conti
Direttore Sanitario Terme di Castrocaro
Ombretta Davoli
Dirigente Medico U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione A.USL Forlì
Giordano Gatta
Dirigente Medico U.O. Medicina Riabilitativa A.USL Ravenna
Pierluigi Macini
Servizio Sanità Pubblica R.E.R.
Giuseppe Mari
Dirigente Medico U.O. Medicina Riabilitativa A.USL Cesena
Andrea Naldi
Direttore U.O. Medicina Riabilitativa A.USL Cesena
Mauro Palazzi
Direttore U.O. Epidemiologia e Comunicazione A.USL Cesena
Germano Pestelli
Direttore Dipartimento Area Medica e Riabilitazione A.USL Forlì
Renata Maria Rossi
Dirigente Medico U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione A.USL Forlì
Rita Scalambra
ARCI-UISP
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Sabato 31 marzo 2012, al Grand Hotel Terme di Castrocaro (viale Roma, 2), a partire dalle 8.45, è in programma il corso d'aggiornamento "Attività Fisica Adattata (AFA): un'opportunità di miglioramento della salute", aperto a medici, fisioterapisti e infermieri professionali e promosso dall'U.O. di Medicina Fisica e Riabilitazione dell'Ausl di Forlì, diretta dal dott. Germano Pestelli, col patrocinio dell'Ordine dei Medici di Forlì-Cesena.

Il Corso si propone di diffondere e condividere il ruolo dell’attività fisica adattata (AFA) come strumento di promozione di stili di vita più attivi nei pazienti con patologie croniche, in particolare anziani.
La presenza di malattie croniche, come ictus cerebrale, morbo di Parkinson, artrosi, malattie cardiovascolari, innescano un circolo vizioso di disabilità-sedentarietà-ulteriore disabilità con un significativo impatto negativo non solo sul benessere della persona ma anche sull’evoluzione della patologia.
L’AFA attraverso l’attuazione di adeguati programmi di attività fisica regolare e continuata nel tempo, adattata alle caratteristiche della persona disabile e svolti in strutture in grado di adattarsi alle diverse esigenze, gioca un duplice ruolo sia per combattere l’ipomobilità e favorire la socializzazione sia come valido presidio per interrompere un circolo vizioso e crearne uno virtuoso.
L’AFA non è un’attività riabilitativa ma piuttosto un’attività di mantenimento e prevenzione, finalizzata a facilitare l’acquisizione di stili di vita utili a mantenere la migliore autonomia e qualità di vita possibile. Ed è in quest’ottica e nel ruolo educazionale e formativo, che i luoghi in cui si svolgono tali attività sono ambienti non sanitari, come palestre comunali, strutture protette, ecc. e gli operatori che presiedono a queste attività, pur non essendo professionisti della sanità, sono in possesso di una specifica formazione sulle tematiche della disabilità motoria.
Il Piano Regionale della Prevenzione della RER 2010-2012 ha rilanciato con forza il ruolo dell’attività fisica nel promuovere non solo il benessere nelle persone sane, ma anche in quelle affette da patologie croniche. In quest’ottica è stato avviato un progetto finalizzato alla prescrizione dell’attività fisica a persone che presentino problemi di salute per i quali questo trattamento è di dimostrata efficacia (patologie sensibili), costruendo a tal fine percorsi assistenziali integrati, al cui interno i Nuclei delle Cure Primarie e i Centri di Medicina dello sport delle AUSL svolgono un ruolo centrale. Il progetto è finalizzato a sperimentare modalità innovative di presa in carico di problemi di salute largamente diffusi nella popolazione, ivi compresa la collaborazione con strutture dotate di spazi idonei all’accoglienza, alla educazione ed alla formazione a corretti ed attivi stili di vita quali le Terme.

PROGRAMMA

8,30 Registrazione Partecipanti

8,45 Apertura del corso
Moderatori: G. Pestelli - S. Boni

9,00 AFA nelle politiche di prevenzione della salute
P. Macini

9,30 Modello Organizzativo dell’AFA in AVR
M. Palazzi

10,00 AFA per il M. di Parkinson
G. Mari

10,20 AFA per la protesi d’anca
C. Caregnato

10,40 AFA per la lombalgia
A. Naldi

11,00 AFA per l’emiplegia
G. Gatta

11,20 AFA: l’esperienza di Forlì. Collaborazione tra AUSL e Terzo Settore
R.M. Rossi - R. Scalambra

11,50 AFA: Sviluppi futuri
O. Davoli

12,10 Attività Fisica nel tempo libero: gruppi di cammino
R. Bacchi

12,40 Attività fisica e ambiente Termale
M. Conti

13,00 Discussione

13,20 Valutazione ECM

13,30 Chiusura incontro

Segreteria Scientifica
Marco Conti: mconti@termedicastrocaro.it - Tel. 0543.412711
Ombretta Davoli: o.davoli@ausl.fo.it - Tel. 0543.731361

Segreteria Organizzativa
Cristina Magalotti: riabilit@ausl.fo.it
Fax. 0543.738610 - Tel. 0543.731287

Sede del Corso
Sala congressi c/o Grand Hotel Terme
Via Roma 2, Castrocaro Terme

ISCRIZIONE GRATUITA
Inviare via fax la SCHEDA DI ISCRIZIONE (clicca qui per scaricarla) compilata al numero 0543.738610 entro il 26 marzo 2012

Azioni sul documento
Strumenti personali